Cel: +39 349 812 5856

info@marcopinatvini.com

  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon

P.IVA: 02838330302

PNT MRC 87E30 L483W

Via Tomadini 27, Povoletto (UD) Italy

MASSALE 2016
Refosco dal Peduncolo Rosso

Azienda Agricola Marco Pinat

L'Ognicost viene prodotto prevalentemente da uve  di Verduzzo Friulano, provenienti da piante storiche presenti all'interno dell'azienda. Ognicost è un uvaggio bianco secco originato da varietà presenti nella DOC Friuli Colli Orientali. 

OgniCost deriva da una frase che Angelo Gaja disse a Marco: “se lo vuole veramente, deve essere suo ad OGNI COSTO". Trasformato poi nella tipica espressione friulana OGNICOST in onore alla terra natale, il Friuli. 

Le piante affondano le loro radici in un terreno denominato "flysch", composto da marne e arenarie originatesi da depositi sedimentari d'ambiente marino.

Le viti sono coltivate a doppia cappuccina, rispecchiando l'antico sistema di allevamento adottato nella DOC Friuli Colli Orientali. Questo peculiare sistema di coltivazione permette un'ottimale distribuzione dei grappoli sulla pianta, portando a una migliore qualità delle uve stesse, indicendo positivamente sul risultato del prodotto finito.

All'interno del vigneto si applica un'agricoltura biologica, rispettando e salvaguardando la biodiversità della zona che contribuisce in modo sostanziale all'unicità del vino Ognicost.

La vendemmia viene eseguita rigorosamente a mano, le uve raccolte vengono immediatamente lavorate in cantina, dove subiscono la diraspatura, la pigiatura e la pressatura. Il mosto ottenuto viene messo in contenitori di acciaio inox, dove viene raffreddato e mantenuto a temperatura costante per quattro giorni. A circa metà fermentazione, un terzo della massa viene trasferito in piccole botti di rovere, dove termina la fermentazione e vi rimane per l'affinamento. La restante massa rimane nei contenitori di inox fino all'unione delle due masse per l'imbottigliamento.

L'Ognicost rappresenta in tutte le sue sfumature la tipicità del vitigno. Al naso si sentono delle note di fiori di tiglio e miele, mentre in bocca si sente una buona acidità e la presenza di un leggero tannino.